CIVONLINE – Digestore, ricca agenda in collina

CIVONLINE – Digestore, ricca agenda in collina

Digestore, ricca agenda in collina

ALLUMIERE. FONTANATONNA INVITA TUTTI ALL’ASSEMBLEA PUBBLICA DI MARTEDì ALLE 17.30 NEL SALONE DELL’ORATORIO Venerdì, invece, consiglio comunale straordinario e mercoledì la commissione dipartimentale

ALLUMIERE – Prosegue in collina la querelle intorno alla questione del digestore. «Ora – spiegano da Fontanatonna – c’è la conferenza dei servizi che deciderà le sorti del nostro territorio: basta coi giochetti. Se siamo giunti a questo punto la colpa è di quelli che ‘‘davanti facevano di no e dietro dicevano sì’’ e ciò come sempre sulla nostra pelle». Fontantonna spiega poi: «Basta un piccolo impianto solo per noi che chiuda la filiera dei nostri rifiuti organici collocato fuori dalla Zps e mai nella zona industriale assurdamente individuata su terreni privati dall’attuale potere politico». Il movimento collinare invita tutti alla conferenza che si terrà nell’oratorio di Allumiere martedì 26 marzo alle 17.30 dove verrà illustrata una possibile soluzione che «oltre a farci risparmiare soldi porrebbe fine alle mire di chi vuole mettere le mani sulla zona industriale dello Spizzicatore». Preoccupazione è espressa poi dal Comitato anti discarica e dai vari movimenti ambientalisti perché nella conferenza dei servizi del prossimo 2 aprile il voto del Comune di Allumiere varrà uno e «non sarà vincolante» e per il fatto che «l’ex assessore provinciale Civita (oggi assessore regionale) e Zingaretti (presidente Regione Lazio), appoggia questa proposta, quindi c’è la possibilità che i giochi siano già fatti». Il sindaco di Allumiere, Augusto Battilocchio, per mercoledì 27 marzo alle 17.30 ha convocato la commissione dipartimentale Uso ed Assetto del territorio per discutere di questo argomento; Battilocchio ha annunciato che lunedì invierà ai membri del consiglio comunale la convocazione per la seduta straordinaria del consiglio comunale indetto per il 29 marzo per ribadire il no al digestore. «Prima di andare a Roma dobbiamo prepararci e formare una delegazione più completa possibile. Per la Commissione ho invitato consiglieri comunali e delegati, le forze politiche, i sindaci del territorio e il consigliere regionale De Paolis – spiega Battilocchio – dopo le due lettere della Provincia di Roma ho avvertito tutti e poi ho telefonato a Palazzo Valentini per protestare visto che la Renerwest ha presentato il progetto solo in Provincia e così ci hanno inviato il dischetto. Continuiamo a ribadire il nostro no unanime e netto contro questo impianto anche se ridimensionato perchè dovrebbe sorgere in una Zps e perchè non è scampato il pericolo che Roma voglia scaricare da noi la sua immondezza, per cui non ci sono le condizioni nemmeno per fare un piccolo impianto. Basta con le chiacchiere di chi fa solo accuse: come mai attaccano noi senza pensare che siamo l’unico comune che fa il porta a porta e non attaccano quei comuni che ancora non hanno dato il via alla differenziata? Lo dico e lo ribadisco: io e tutto il paese diciamo no al digestore senza se e senza ma. A De Paolis e ai rappresentanti del territorio chiediamo di sostenerci in questa battaglia comune».

(Rom. Mos.)

CIVONLINE – «Sì al solo impianto di compostaggio comprensoriale»

CIVONLINE – «Sì al solo impianto di compostaggio comprensoriale»

ALLUMIERE. Presa di posizione di Roberta Morbidelli sul digestore L’esponente del Pdl bolla le dichiarazioni del Pd come ipotesi superate

ALLUMIERE – Pdl e movimenti anti-discarica chiedono chiarezza al Pd e all’amministrazione comunale sulla questione del digestore. «Il comunicato stampa del Pd di Allumiere descrive una situazione ormai superata – afferma Roberta Morbidelli, consigliere comunale di Allumiere del Popolo della libertà – La delibera al quale fa riferimento è stata superata con la delibera concordata con i comitati e votata a luglio 2012. Abbiamo detto no fermamente ad ogni tipo di megadigestore, non abbiamo nessuna intenzione di smaltire 30mila tonnellate di rifiuti provenienti da Roma e provincia. L’unica apertura è stata fatta ad un piccolo compostaggio di tipo comprensoriale, decisione condivisa da tutto il territorio in quanto la delibera è stata poi votata anche nei comuni limitrofi». Sulla stessa linea il movimento anti discarica di Allumiere. «Dopo il comunicato del Pd servono delle precisazioni perchè contiene delle inesattezze – spiegano i vertici del comitato collinare – il nostro comitato non ha cavalcato nessuna protesta ma ha messo in moto decine e decine di persone che volontariamente si occupano da oltre due anni della questione rifiuti producendo ricorsi, proposte delibere, osservazioni, assemblee pubbliche, seminari e partecipando a tutti gli incontri istituzionali e non riguardo la questione. Il segretario del Pd di Allumiere forse non conosce la posizione ufficiale del sindaco e neanche quella espressa dai consiglieri del suo partito in consiglio comunale». Il comitato collinare così come la Morbidelli spiegano quindi che «é indecente che la segreteria del Pd non sia a conoscenza che la delibera alla quale si fa riferimento nel comunicato del Pd sia superata ormai dagli eventi: il sindaco ha ufficialmente richiesto alla Provincia (così come si evince dal verbale dell’assemblea tenutasi a Palazzo Valentini) e alla società proponente Renerwaste il ridimensionamento a 30.000 tonnellate annue; il segretario non sa che otto giorni dopo del Consiglio comunale di Allumiere la posizione del sindaco è stata diversa anche se per il futuro si è deciso che se ci sarà un micro impianto di compostaggio dovrà essere ‘‘aerobico’’ e il piccolo compostaggio della Forsu dovrà essere locale, in sintesi si è detto un ‘‘No definitivo’’ ai digestori sul territorio comunale».

(Rom. Mos.)

(21 Mar 2013 – Ore 20:50)

CIVONLINE – Sarracco: «Strani lavori ad Allumiere»

CIVONLINE – Sarracco: «Strani lavori ad Allumiere»

Lo spizzicatore è sempre oggetto di cronaca! Ricordiamo che tra le altre cose il terreno è soggetto alle norme della ZPS (zona a protezione speciale)

CIVONLINE – Rifiuti, De Paolis (SEL): “Attenzione che non è finitia”

CIVONLINE – Rifiuti, De Paolis (Sel): “Attenzione che non è finitia”

SEL DE PAOLIS

ALLUMIERE – Gino de Paolis (Sel) torna a lanciare l’allarme sul rischio discarica ad Allumiere all’indomani delle dichiarazioni del sindaco di Roma Gianni Alemanno che ha attaccato il presidente della Provincia Nicola Zingaretti sulla questione rifiuti, scaricando su di lui la responsabilità della mancata scelta del sito per la discarica definitiva della Capitale. “Nonostante le smentite di Alemanno – attacca Gino De Paolis, capogruppo di Sinistra, Ecologia e Libertà in Provincia di Roma – durante la campagna elettorale per il Comune di Civitaveccchia, propedeutiche al raggiungimento di un consenso tra l’altro non ottenuto (la popolazione non ha abboccato),  il sindaco di Roma è tornato a parlare della famigerata ipotesi di Allumiere, dicendo testualmente: ‘Certo non posso essere io ( riferendosi al Presidente Zingaretti) ad andare ad Allumiere o a Bracciano per dire dove sarà o meno la discarica’. E’ quindi chiaro che il disgraziato protocollo d’intesa firmato con l’allora Ministro della Difesa La Russa non è stato da lui mai accantonato, anzi”.  “Il sindaco Alemanno – prosegue De Paolis – se pensa di dare seguito al protocollo d’intesa, che individuava l’ipotesi di realizzare all’interno del comprensorio militare di Santa Lucia la nuova discarica di Roma, troverà un muro insormontabile. Anche la presidente della Regione Lazio Renata Polverini ha detto decine di volte che sarebbero dovuti passare sul suo cadavere. E contro questa ipotesi si è espresso più volte il consiglio della Provincia di Roma e c’è il dissenso totale di otto Comuni del comprensorio. Alemanno continua a scaricare sugli altri la propria inettitudine, in questo caso sulle popolazioni incolpevoli. La speranza è che i cittadini di Roma decideranno di non rinnovare la propria fiducia ad Alemanno, e che al contrario la Regione Lazio sarà governata da Zingaretti, che continuerà nella  tutela e nella difesa di territori già vessati e inquinati da un punto di vista ambientale”. “Dal canto nostro – conclude De Paolis – non abbiamo mai abbassato la guardia e non ci siamo mai illusi che l’ipotesi di Allumiere fosse stata accantonata. Continuiamo ad invitare la popolazione ad essere vigili su questo tema e avvertiamo Alemanno che se continuerà a perseguire questo suo intento scellerato troverà una strenua ribellione umana e politica da parte delle popolazioni dei nostri territori”. (a.r.)

SCELTA ECOLOGICA O ECOTRUFFA?

SCELTA ECOLOGICA O ECOTRUFFA?

CONVEGNO SU BIOGAS, BIOMASSE E BIODIGESTORI

IL 24 NOVEMBRE A MANZIANA

La notizia di una centrale a biogas alimentata da colture agricole a Sasso (Cerveteri), un altro impianto alla discarica di Cupinoro (Bracciano) e un mega impianto a Maccarese, destinati entrambi al trattamento della FORSU (frazione organica o umido), il tutto calato in una realtà già compromessa, è motivo di forte preoccupazione.

Perché questi impianti? A cosa e a chi servono? Come vengono alimentati? Quali vantaggi e quali rischi per la salute dei cittadini, per l’ambiente, per l’agricoltura? Servono davvero? Quali sono le alternative?

Finalmente un’occasione per saperne di più.

Il professor GIANNI TAMINO, docente di Biologia dell’Università di Padova e membro del comitato scientifico ISDE (Associazione Medici per l’Ambiente), interverrà sul tema: “Quali fonti rinnovabili: l’inganno delle biomasse e del biogas”.

Il dottor MAURO MOCCI, Associazione Medici per l’Ambiente- ISDE Italia, tratterà di: “Biodigestori anaerobici alimentati da rifiuti organici – La situazione nel nostro territorio – Le soluzioni alternative”.

Interverranno anche i Comitati impegnati a sensibilizzare cittadini e Istituzioni su pericoli, rischi sanitari e ambientali legati alla diffusione di questi impianti in tutto il territorio italiano. L’Alto Lazio inoltre, già gravemente penalizzato da varie fonti d’inquinamento, rischia ora di trasformarsi nel nuovo polo dei rifiuti.
LE ALTERNATIVE CI SONO: PARLIAMONE. Sono invitati Cittadini, Associazioni, Enti e Amministrazioni, ma soprattutto i Sindaci, che nel loro ruolo di massima Autorità sanitaria, decidono del futuro del territorio e della salute dei cittadini.

Si chiede di dare sostegno e visibilità all’iniziativa, di segnalare l’interesse a partecipare all’evento organizzato per chiedere, con forza e convinzione, un cambiamento di rotta nella politica energetica e ambientale del Paese.

APPUNTAMENTO: sabato 24 Novembre, alle ore 16,

Cinema QUANTESTORIE via IV Novembre, 63 Manziana (RM)

Per partecipare e per informazioni: comitatibiogas@gmail.com  cellulare: 339.8936240

ORGANIZZAZIONE:www.comitatibiogas.wordpress.com | www.rifiutizerofiumicino.it | www.comitatoterranostra.org | salviamo.bracciano@gmail.com

In allegato la locandina del convegno.

AGR on line: Maccarese, no all’impianto di biogas

AGR on line: Maccarese, no all’impianto di biogas

L’OPINIONE – GIOVEDÌ 21 SETTEMBRE 2012 – Il caso del digestore finisce a querele

ALLUMIERE – Il caso del digestore finisce a querele

CIVONLINE – Megadigestore, il comitato anti discarica attacca Battilocchio

CIVONLINE – Megadigestore, il comitato anti discarica attacca Battilocchio

 

ALLUMIERE. Intervento del gruppo ambientalista collinare dopo le dichiarazioni del primo cittadino «Non bastano le minacce per riprendersi la credibilità che non ha più»

 

ALLUMIERE – Il Comitato anti discarica risponde al primo cittadino di Allumiere, Augusto Battilocchio, dopo che questi ha denunciato Stefanini del Comitato per diffamazione. «Non si capisce l’accanimento del sindaco nei confronti di Stefanini che è il portavoce di un intero Comitato» e spiegano poi: «In due anni di attività abbiamo preferito risolvere politicamente le questioni relative alla vertenza rifiuti, tranne il ricorso al Tar contro il protocollo Alemanno-La Russa e non saranno le minacce del sindaco a farci recedere da questi propositi. Per dovere nei confronti della gente ci siamo limitati alla divulgazione riguardante un passaggio poco chiaro sull’iter amministrativo inerente la delibera del 12 luglio sul biodigestrore». In merito a questa «Lunedì il consigliere provinciale Minnucci, capogruppo del Pd, non aveva ricevuto alcuna informazione, tanto che  martedì, tramite il consigliere provinciale di Sel, Gino De Paolis (che è disposto in ogni sede a spiegare che non abbiamo mentito), martedì abbiamo inviato copia della delibera a Minnucci – proseguono dal Comitato – poi a seguito di una richiesta di informazioni da parte del consigliere d’opposizione, Roberta Morbidelli, alla segreteria del sindaco circa gli estremi del protocollo attestanti la trasmissione della delibera agli Enti sovraordinati le è stato risposto che non c’era data e protocollo in quanto «si tratta di un atto interno e non è stato trasmesso ne alla Provincia ne alla Ragione» quindi ci siamo attenuti a ciò che ci è stato detto. Con diversi progetti, in quasi 20 anni, prima da consigliere, poi da assessore, poi da vicesindaco ed infine da sindaco, Battilocchio ha provato in tutti i modi a far realizzare qualcosa sempre negli stessi terreni degli stessi proprietari. Non basta aggredire il Comitato e i suoi rappresentanti e minacciare di passare alle vie legali per riprendere la credibilità, non dimentichiamo di certo l’atteggiamento rissoso durante le assemblee sfociato in aggressioni fisiche, verbali e minacce ai componenti del Comitato».

 

(17 Set 2012)

CIVONLINE – Si torna a parlare di megadigestore

Nell’articolo di Civonline il sindaco di Allumiere promette una battaglia legale, la cosa non proeoccupa minimamente il Comitato che a breve risponderà con un comunicato stampa, pensiamo che invece dovrebbe esser epreoccupato il Sindaco che ancora non ha spiegato in modo plausibile alla popolazione, come mai, da 20 anni circa, esiste il tentativo di impiantatre attività produttive e speculative, legate alla gestione rifiuti, SEMPRE NEGLI STESSI TERRENI, SEMPRE DEGLI STESSI PROPRIETARI, e per giunta LEGATI DAI VINCOLI RISTRETTISSIMI DELL ZONA A PROTEZIONE SPECIALE.

Questi sono i temi che il Comitato affronta e dei quali esige chiarimento a difesa del territorio Allumierasco e Comprensoriale.

CIVONLINE – Si torna a parlare di megadigestore

PIANO RIFIUTI. Polemiche e accuse tra il comitato antidiscarica e Augusto Battilocchio. Il Sindaco: «Adesso basta, vado per le vie legali»

ALLUMIERE – Tornano le nubi del dissidio sui rifiuti ad Allumiere. Nei giorni scorsi, infatti, il Movimento Antidiscarica ha accusato il sindaco Augusto Battilocchio di non aver inviato la delibera del consiglio comunale del 12 luglio scorso riguardante la richiesta di referendum abrogativo di parte  del piano rifiuti alla Regione Lazio. Ieri mattina c’è stata la presa di posizione del primo cittadino collinare. Battilocchio, infatti, a seguito di queste accuse ha sporto regolare denuncia. «La nostra amministrazione dice basta a tutte le diffamazioni che stiamo subendo. Non se ne può più di accuse strumentali – spiega Battilocchio – già a luglio di quest’anno ho diffidato il leader del comitato, Emiliano Stefanini, ora però, visto che si continua a scendere di livello e ad accusarmi in ogni modo, di comune accordo con la mia amministrazione, ho deciso di adire a vie legali». Battilocchio spiega anche che «abbiamo come Comune ottemperato a tutti gli impegni che ci siamo presi e gli atti amministrativi parlano chiaro e non lasciano ombre: la delibera del 12 luglio di cui si parla è stata spedita regolarmente il 13 luglio (con tanto di data e numero di protocollo) e inviata con raccomandata alla presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, all’assessore all’Ambiente Michele Civita, ai comuni limitrofi e all’Agraria di Allumiere e Tolfa, quindi non si comprende il motivo di quest’altro fango che ci viene buttato addosso ingiustamente. Ho anche chiamato l’assessore Civita e mi ha confermato che la lettera è sul suo tavolo». Battilocchio ha poi annunciato che lunedì invierà un comunicato stampa e per le vie del paese verrà affisso il cartellone con cui, ha detto, «spiegheremo a tutti la verità».

L’OPINIONE – GIOVEDÌ 13 SETTEMBRE 2012

ALLUMIERE – IL MISTERO DELLA DELIBERA SCONOSCIUTA!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: