A VOLTE RITORNANO CON I RIFIUTI DI ROMA NELLE NOSTRE TERRE

Ieri:
Il “Comitato Antidiscarica Allumiere” il comitato spontaneo che da anni si occupa delle politiche sulla gestione dei rifiuti nel nostro comprensorio, invita tutta la popolazione dei Comuni di Allumiere, Civitavecchia e Tolfa alla mobilitazione. Nel 2011 abbiamo affrontato senza timore l’allora scelta di Ama con il Sindaco Alemanno e il Ministro La Russa, che intendevano anche attraverso la militarizzazione della scelta, portare l’industria dello smaltimento dei rifiuti romani ”Cittadella dei rifiuti” insieme alla attuale demilitarizzazione delle armi di distruzione di massa stoccate al Campo Chimico all’interno del Comprensorio Militare S.Lucia nei territori tra Allumiere e Civitavecchia. Poi nella adiacente zona industriale di Allumiere abbiamo bloccato ripetuti tentativi di insediamento di impianti di trattamento aerobici e anaerobici di notevoli e impatto e dimensione. Nel 2016 il “Comitato Cittadini Uniti contro l’inceneritore” con le istituzioni locali e l’intera comunità comprensoriale hanno bloccato la realizzazione dell’inceneritore di armi chimiche sempre a Santa Lucia e hanno ottenuto l’impegno alla bonifica delle aree che ospitano i monoliti contenenti i residui dell’inertizzazione dei veleni chimici.

Oggi:
Dopo 7 anni ritorna minacciosa l’idea di portare i rifiuti di Roma nelle nostre terre. E’ incredibile quanto si apprende dai documenti della Città Metropolitana pubblicati da Il Messaggero, tredici sono i siti individuati dalla Città Metropolitana per lo stoccaggio il trattamento e lo smaltimento dei rifiuti di Roma, tra i quali Allumiere, Civitavecchia e Tolfa. Non riusciamo a capire come sia possibile che addirittura siano coinvolte Allumiere e Tolfa, che ricadono interamente nella ZPS e le norme che la tutelano vietano espressamente l’installazione di tali impianti. Per quanto riguarda il comprensorio di Civitavecchia è impensabile che oltre alla pressione ambientale della produzione energetica, del porto e del campo chimico, si immagini un futuro legato al trattamento dei rifiuti. Se Civitavecchia e il suo comprensorio sono da inserire tra i SIN Siti d’Interesse Nazionale e da bonificare, sicuramente non possono ospitare il trattamento dei rifiuti, lavorazione, trattamento o smaltimento che sia.

Domani:
Da queste prime indiscrezioni sulla documentazione della Città Metropolitana sembrerebbe che per quanto riguarda le politiche sui rifiuti quello che erano le idee di centrodestra nell’epoca di Alemanno Sindaco, La Russa Ministro e la Polverini Presidente diventano la strategia “Grillina”. Governare la Città eterna e programmare la transumanza dei rifiuti nelle province non va affatto bene. Cosi come ci siamo ribellati ieri, ancora con più forza, esperienza e competenza ci ribelleremo oggi alla politica dello “scarica barile”. Non ci interessa “Chi” politicamente fa queste scelte: è nostro nemico. Negli anni abbiamo avuto modo di comprendere di chi dice solo tante parole, di chi ci possiamo fidare e di chi fattivamente ha lavorato a scongiurare che diventassimo la pattumiera della Capitale.

Nei prossimi giorni monitoreremo la situazione e all’occorrenza inviteremo la cittadinanza ad intervenire ad un momento d’incontro per organizzare eventuali azioni da mettere in atto a difesa della nostro comprensorio.

Un immediato invito lo facciamo al Sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino, al Sindaco  di Allumiere Antonio Pasquini e al sindaco di Tolfa Luigi Landi.  Ci auguriamo che coloro che amministrano le nostre città prendano subito le distanze da tali scelte e si attivino nei confronti della Città Metropolitana per sapere nei dettagli cosa si intende programmare nel nostro territorio.

 Per il Comitato Antidiscarica Allumiere
Emiliano Stefanini

ilmessaggero.it/roma/cronaca/rifiuti

 

Menditto (M5S): “Al prossimo consiglio votazione unanime all’odg contro l’ossidatore termico” – La Voce del Popolo

CIVITAVECCHIA – «Mercoledì 27 aprile in consiglio comunale sarà votato l’ordine del giorno da me proposto circa l’assoluta contrarietà dell’assise in rappresentanza della città… #civitavecchia #dariomenditto(m5s):”alprossimoconsigliovotazioneunanimeall’odgcontrol’ossidatoretermico”

Sorgente: Menditto (M5S): “Al prossimo consiglio votazione unanime all’odg contro l’ossidatore termico” – La Voce del Popolo

7 maggio 2016 – Manifestazione contro l’inceneritore

ManifestazioneAntiInceneritore

Centro Chimico – Veleni e falsità di Stato

Allumiere. Conferenza sul tema Inceneritore di armi chimiche. P3180048.JPGBisogna dire innanzi tutto che il paese collinare risponde sempre attivamente alla mobilitazione. La sala dell’Auditorium è bastata a malapena a contenere i partecipanti.

Come espresso dal dott. Mauro Mocci, esponente dell’ ISDE, Medici per l’Ambiente, bisogna innanzitutto focalizzarci sul fatto che, quando si parla di sistemi potenzialmente dannosi e non proprio ecologici, le autorità statali coniano termini tesi ad ammorbidire il pericolo reale.
???????????????????????????????I termini Ossidatore Termico, Termovalorizzatore, Biodigestore non esistono, sono inventati ad arte per far risultare un inceneritore di armi (chimiche nel nostro caso), un inceneritore di immondizia e una centrale di produzione di energia elettrica mediante combustione di gas metano, alla pari di impianti legati al tema “ecologia”.
Strano che le trivelle petrolifere non le abbiano ancora rinominate, ad esempio come “Estrattori di bioenergia occulta“!

Soffermiamoci meglio su quanto il Ministero della Difesa vuole realizzare nel nostro territorio, ovvero presso il Centro Chimico di S.Lucia.
Si tratta di un inceneritore di armi chimiche, quelle prodotte durante le due guerre mondiali e stoccate presso il nucleo Nucleo Batteriologico Chimico (NBC) dell’esercito italiano che ha sede sul confine del territorio tra Civitavecchia ed Allumiere, proprio nella stessa area che, secondo il Protocollo Alemanno-La Russa del 2010, sarebbe stata il sito ideale per la Cittadella dei Rifiuti, ovvero Malagrotta 2. 130 ettari di terreno adiacente alla ZPS più importante del centro italia, da compromettere per l’eternità! (progetto respinto grazie alla forza dei Comitati ambientalisti che, con il supporto di tutta la cittadinanza, hanno portato le istituzioni a rigettare questa idea malsana.)

Ma torniamo alle armi chimiche. Attualmente le bombe con i veleni chimici sono trattate smontandole e rendendole inerti, diluendo quindi il contenuto dei veleni impastandolo con acqua calce e cemento per creare dei monoliti di conglomerato cementizio che vengono accatastati all’aria aperta su aree che dovrebbero garantire il contenimento delle eventuali percolazioni sul terreno.

inerti armi chimiche

Santa Lucia, lo stoccaggio dei cilindri con i veleni

Cosa è stato diluito in questi cilindri di cemento? (ce ne sono decine di migliaia ad oggi)

Cosa contengono le bombe chimiche ancora da trattare?
Semplicemente elementi dannosissimi: Fosforo, Fosgene, Iprite, Adamsite, Arsenico. Invitiamo i lettori ad andare su Wikipedia a leggere cosa provocavano quando usati e la pericolosità attuale in caso di immissione in aria seppur in basse quantità nel tempo.

Ora, pensate ad un inceneritore che dovrebbe bruciare tutto il nostro arsenale creato durante le due guerre, e poi, siccome sarà in esercizio, anche altri arsenali (magari le armi chimiche del conflitto Siriano).
Non crediamo alle favole che i fumi di combustione verranno totalmente filtrati.
Non esistono filtri che riescano a bloccare le particelle di polveri sottili che sono più piccole addirittura dei virus e dei batteri.
Non è vero che questi impianti hanno un impatto zero sull’atmosfera.

Proprio per questo, in un territorio che sta pagando troppo caro il prezzo delle scelte industriali fatte, tutte concentrate in pochi chilometri, non si possono installare altre fonti altamente inquinanti. BASTA!

Dobbiamo ottenere solo un tipo di investimento: la bonifica progressiva dell’area e lo spostamento delle attività di inertizzazione della armi chimiche in un sito lontano dai centri abitati.
Siamo certi che tutta la cittadinanza si attiverà per questa dura lotta.

Tutti contro il solito menefreghismo di chi manovra le leve dagli uffici di Roma, ben isolati dai problemi della popolazione.  

 

Civonline: Ossidatore: Allumiere dice no

Grande partecipazione all’assemblea pubblica venerdì sera in collina

ALLUMIERE – Comitato e istituzionali dicono no ai veleni di Stato. Oltre 150 persone hanno affollato  l’auditorium per dire in coro: “sì” alla  tutela, alla bonifica, alla valorizzazione del comprensorio secondo la sua naturale vocazione,  “no” al tentativo di proseguire con una servitù militare chimica e avvelenata, che con l’inceneritore per aggressivi chimici  si  trasformerebbe in una servitù permanente. La serata è iniziata con un video del 1937 dove le pendici di Allumiere erano già la location degli armamenti italiani. Hanno aperto la discussione Emiliano Stefanini e Ismaele De Crescenzo, tra i promotori del Comitato spontaneo “Cittadini Uniti Contro  l’Inceneritore”, che hanno introdotto la problematica degli armamenti  chimici e i pericolosi monoliti che contengono i veleni inertizzati,  esposti all’acqua e al vento da anni.

Inoltre hanno proposto una grande manifestazione, con una delegazione composta dal Comitato di cittadini, da Sindaci e istituzionali vari, disposta ad incontrare al più presto il Ministero della difesa, per poter esporre le legittime  preoccupazioni dell’intero territorio e le proposte fino ad ora elaborate. Nel corso dell’incontro ad Allumiere ci sono stati diversi interventi.

Il dottor Mauro Mocci ha esposto una relazione, mettendo dettagliatamente  a  conoscenza i cittadini della pericolosità di ciò che avviene oggi nel Comprensorio Militare Santa Lucia e di cosa il Ministero della difesa intende fare. Il consigliere regionale Gino De Paolis, che in tempi non sospetti ha, su sua proposta, fatto esprimere la contrarietà al progetto in Provincia nel 2010 e in Regione nel 2015, e in questi giorni ha presentato alla Pisana un alto provvedimento.  Il Sindaco di Allumiere Battilocchio, che ieri ha approvato in consiglio comunale una mozione di contrarietà al progetto. L’onorevole Marta Grande che recentemente, insieme all’assessore civitavecchiese Alessandro Manuedda ha fatto un sopralluogo  al Centro Chimico. Sono intervenuti, inoltre, Luigi Landi sindaco di Tolfa, Antonio Pasquini  e Marco Santurbano per le Università Agrarie e Aldo Frezza per il Gal. Assenti  giustificati per impegni sopraggiunti, ma che hanno manifestato la loro  vicinanza alla nostra causa, e prodotto azioni istituzionali, la senatrice  Loredana De Petris e gli onorevoli Zaratti, Tidei e Minnucci. Prosegue quindi la prima fase di questa vertenza, che vede i cittadini uniti con le istituzioni, nell’ informare l’opinione pubblica su questo ennesimo attacco al  nostro comprensorio.

L’evento di ieri si è concluso con una partecipata cena di autofinanziamento del comitato. Nei prossimi giorni riunione organizzativa  a Civitavecchia tra gli attivisti del comitato comprensorio.

Civonline: «No all’ossidatore termico: bloccare subito il progetto»

Il Comitato ‘‘cittadini uniti contro l’inceneritore’’ ha organizzato un convegno per domani ad Allumiere

ALLUMIERE – Il ‘’Comitato cittadini uniti contro l’inceneritore” invita la cittadinanza a partecipare all’assemblea pubblica contro l’ossidatore termico che si terrà ad Allumiere venerdì 20 marzo alle 18 nell’Auditorium in piazza della Repubblica.

«E’ nostra intenzione informare i cittadini di tutto il territorio attraverso conferenze di approfondimento, così come fatto a Civitavecchia – spiegano Ismaele De Crescenzo e gli altri membri del Comitato – vista l’attenzione e la preoccupazione per un’opera come l’ossidatore che sta producendo una indignazione e una mobilitazione spontanea».

Dal Comitato Cittadini Uniti Contro l’Inceneritore sottolineano l’intenzione, anche attraverso la presa di posizione dei rappresentanti istituzionali «di incontrare nell’immediato il Ministro della Difesa Roberta Pinotti per rendere palesi le nostre rivendicazioni: immediato blocco del progetto di ossidazione termica e bonifica dell’area attraverso investimenti mirati».

Hanno garantito la loro presenza all’assemblea pubblica ad Allumiere deputati, consiglieri regionali e sindaci del territorio.

Al termine dell’incontro seguirà una cena di autofinanziamento presso la Grotta del cardinale. Per info 3479033567o e 3887439806.

BigNotizie: Pronti alle barricate contro l’inceneritore

Affollata assemblea pubblica alla biblioteca comunale.
Un NO trasversale al progetto dell’inceneritore al centro chimico di Santa Lucia.

20160309_180010

Assemblea del 9-03-2016

CIVITAVECCHIA – Grande partecipazione all’assemblea pubblica di questo pomeriggio alla biblioteca contro la realizzazione dell’inceneritore al centro chimico di Santa Lucia. In tanti hanno risposto all’invito del neonato comitato di cittadini che vuole sensibilizzare tutta la popolazione e le istituzioni ed impedire l’ennesima violenza ai danni del territorio. Il Comitato dei “cittadini uniti contro l’inceneritore” punta all’immediato blocco del progetto e chiede inoltre la completa bonifica degli oltre 600 ettari di terreno del Cetli Nbc: un duplice obiettivo che si vuole raggiungere con partecipazione popolare, di massa e trasversale. “Siamo pronti anche ad impedire materialmente l’arrivo al centro di ogni singolo componente destinato alla realizzazione dell’inceneritore” hanno sottolineato i responsabili del Comitato che è più che mai determinato a scongiurare questa ipotesi.

Il Comitato: prossimo passo la mobilitazione popolare”.
Il dottor Mauro Mocci in un lungo e documentato intervento ha invece messo in guardia sui rischi ambientali che corre il territorio con la presenza di questo tipo di impianto, sottolineando che si tratta di un inceneritore e non di un ossidatore termico. Ampia partecipazione all’assemblea da parte dei politici del territorio. A partire dai sindaci di Civitavecchia e Allumiere Antonio Cozzolino e Augusto Battilocchio, consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, i consiglieri regionali Gino De Paolis e Devid Porrello, e le deputate Marta Grande e Marietta Tidei. L’onorevole del M5S ha ricordato l’interrogazione presentata nel 2013, con risposte vaghe dal ministro nonostante l’assenza del segreto militare, e il rifiuto ad una serie di controlli sul centro da parte di soggetti esterni. “Ribadiamo la contrarietà a questo tipo di strutture, soprattutto in un territorio come il nostro che ha già pesantemente pagato in termini ambientali. Al comitato – ha affermato Marta Grande – sottoponiamo anche una serie di proposte che vanno dalla revisione del sistema di smaltimento e della convenzione di Parigi del 1993, la delocalizzazione dell’impianto in un altro centro, e la richiesta di una serie di tutele ambientali per Santa Lucia”. Marietta Tidei ha invece annunciato di aver incontrato ieri mattina un consigliere del ministro della difesa Roberta Pinotti. “Ho espresso tutte le mie perplessità su questo progetto, che non deve essere assolutamente realizzato a Civitavecchia. Il nostro territorio – ha spiegato Tidei – non può essere disponibile a questa soluzione, ma la battaglia deve essere corale e unitaria. Il ministero deve trovare un sito alternativo a Santa Lucia”. Marietta Tidei ha sottolineato che da via XX Settembre per il momento si parla ancora di una progettazione a livello preliminare, con allo studio l’utilizzo di tecnologie tedesche più avanzate di quelle attualmente presenti al centro chimico. L’onorevole del PD in previsione del consiglio aperto sull’inceneritore ha chiesto di coinvolgere lo stesso Ministero per una discussione a tutto campo. Invito che è stato confermato dal Sindaco Cozzolino e dall’assessore all’ambiente Manuedda che ha ricordato come ci siamo ancora ampi margini di manovra da parte del Comune, soprattutto nell’eventuale conferenza dei servizi prevista dall’iter del progetto.

LEGGO.IT – Rifiuti, il sistema di pressioni di Cerroni «Ricatti ai politici». Accuse a Marrazzo Il ras minacciava chiusura Malagrotta

Rifiuti, il sistema di pressioni di Cerroni «Ricatti ai politici». Accuse a Marrazzo Il ras minacciava chiusura Malagrotta

Rifiuti: ora indagini su rete relazioni Cerroni-politica

Mercoledì 15 Gennaio 2014 – di Sara Menafra

Sono accuse pesanti quelle contro l’ex governatore del Lazio Piero Marrazzo. Non solo per aver firmato l’autorizzazione per il termovalorizzatore di Albano, firma che gli è costata l’accusa di falso e abuso d’ufficio con una valutazione molto specifica nella sua scheda allegata all’ordinanza: «Ne faceva egli stesso parte avendo rivestito un ruolo di primaria importanza per il raggiungimento dei fini illeciti». Ma anche perché ascoltato dai pm ha negato ogni rapporto con l’imprenditore: «Non ho mai pranzato né cenato con Cerroni». L’informativa dei carabinieri del Noe, del marzo 2010, racconta una storia diversa. Prima di tutto, perché i carabinieri avevano ipotizzato addirittura il reato di estorsione per il Ras delle discariche Manlio Cerroni ai danni del governatore e del sindaco Alemanno. La minaccia era quella di impedire gli smaltimenti. Interrompendo il «conferimento notturno» alla discarica di Malagrotta e chiedendo il pagamento immediato di 130 milioni di euro. Pressioni a cui Marrazzo avrebbe in parte ceduto firmando l’ordinanza. Ma più di ogni altra cosa Cerroni chiede che a gestire il capitolo rifiuti in Regione siano uomini di sua fiducia, a cominciare da Mario Di Carlo. La campagna comincia a giugno 2008, contro il parere negativo per il rigassificatore di Albano. Per far saltare questa decisione, il gruppo dell’imprenditore organizza una campagna contro l’assessore all’ambiente Filiberto Zaratti e contro il vice prefetto Stefano La Porta, uomo di stretta fiducia di Marrazzo. Contro quest’ultimo sarà organizzata una vera e propria campagna stampa, con la collaborazione di un giornalista della sede romana del Corriere della Sera.

«Noi stiamo alla provincia» Arcangelo Spagnoli, uomo di Cerroni alla struttura commissariale ai rifiuti (deceduto, è l’unico a cui la Gdf abbia trovato versamenti all’estero per 3 milioni di euro) ne parla lungamente a telefono, nell’aprile 2008, con il direttore dell’Arpa Fabio Ermolli: «Eh adesso niente, Alemanno farà la giunta…noi stiamo alla provincia (allora guidata da Nicola Zingaretti, ndr) e qua al nazionale c’è Berlusconi. Bisogna inventarsi altri giochi di squadra, i punti di riferimento sono saltati».

«Noi siamo a pranzo» Il problema è appunto la Regione, dove Cerroni vuole poter contare su Di Carlo. Il 22 giugno, incontra Giovanni Hermanin, allora presidente dell’Ama e poi chiama Di Carlo: «Ho parlato con Giovanni e si è messo in moto, attraverso gli amici suoi». Il 27 giugno 2008 Cerroni ottiene un pranzo riservato con Marrazzo. Lo incontra a Villa Piccolomini, sede di rappresentanza della Regione. Praticamente in diretta chiama Di Carlo: «Io sono qui in giro, sto andando alla colazione con Marrazzo, a Villa Piccolomini». L’accordo sembra fatto e invece ad agosto ancora nulla, la vera nomina non arriverà mai, tanto che l’imprenditore chiama il presidente del consiglio regionale Guido Milana: «Mi aveva detto che gli dava quest’incarico, senno che cazzo sta a fare questo?». Le minacce si fanno sentire anche su Alemanno. Nel dicembre 2008, l’imprenditore chiama un consigliere regionale: «Ad Alemanno gli dici: guarda sta volta questo vi leva la pelle».

leggo.it – La richiesta di arresto per Cerroni rubata dall’ufficio del Gip

Cerroni – l’uomo che ha “salvato Roma” (ndr)…

LEGGO.IT  La richiesta di arresto per Cerroni rubata dall’ufficio del Gip

Mercoledì 15 Gennaio 2014  – di Sara Menafra

C’è una talpa negli uffici del tribunale. Una manina ben inserita e molto potente, capace di arrivare nell’ufficio del gip Massimo Battistini. Mentre il gip, nel corso dell’ultimo anno, valutava gli atti che avrebbero portato all’arresto del Ras delle discariche Manlio Cerroni. E capace di far sparire l’intera richiesta di misura cautelare firmata dal pm Alberto Galanti dalla sua cassaforte. Non solo. Quando i magistrati si sono accorti di quanto era accaduto negli uffici del tribunale, il 16 luglio 2013, e hanno avviato le prime indagini si sono accorti di due particolari molto gravi: i nastri delle telecamere che filmano i corridoi di piazzale Clodio notte e giorno erano spariti. E, contemporaneamente, chi ha agito è riuscito a non lasciare nessun segno di effrazione. Insomma, c’è qualcuno all’interno del tribunale che gli ha dato una mano, permettendo di ritardare l’arrivo degli arresti. Per questo un fascicolo di indagine è stato aperto anche a Perugia. Il pm Galanti nel firmare l’integrazione alla richiesta di custodia cautelare è esplicito: «La sottrazione, pur essendo allo stato commesso da soggetti ignoti, deve con ogni probabilità ricondursi alla sfera di influenza esercitata dagli odierni indagati, la cui “onnipresenza” all’interno della pubblica amministrazione è conclamata da una serie infinita di riscontri».

Marrazzo nel sistema Il deposito degli atti a sostegno della misura di custodia cautelare ai domiciliari per sette indagati (ieri ci sono stati i primi interrogatori di garanzia) dà anche il quadro di quanto fossero forti i legami di Cerroni con la politica. Accuse molto pesanti sono quelle contro l’ex governatore del Lazio Piero Marrazzo. Non solo per aver firmato l’autorizzazione per il termovalorizzatore di Albano, firma che gli è costata l’accusa di falso e abuso d’ufficio. La scheda che gli inquirenti gli hanno dedicato spiega che di quel sistema di relazioni «faceva egli stesso parte avendo rivestito un ruolo di primaria importanza per il raggiungimento dei fini illeciti. Egli gettava le basi per quelle che veniva successivamente inquadrate come attività di artificio e raggiro finalizzate all’ottenimento di pubbliche erogazioni».
Firmando l’autorizzazione per la costruzione del gassificatore di Albano, Marrazzo faceva anche in modo che su quel capitolo andassero i fondi europei Cip6. Il 30 marzo del 2008, quando la prima autorizzazione sembra essere bloccata, da un parere negativo alla valutazione di impatto ambientale, il governatore interviene di persona.
Arcangelo Spagnoli, responsabile del provvedimento, si confronta con un ingegnere del commissariato. Spagnoli: «Allora, abbiamo scritto una lettera violenta contro quelle stronz…»; Martino: «Ah…»; Spagnoli: «Bisogna aspettarsi per domani chiamate tambureggianti. Ovviamente ci abbiamo la sponda anche il Presidente, molto incazzato, quindi, insomma non è lavoro a vuoto .. dovrà avere prima o poi un esito positivo».
La valutazione del gip è molto chiara. Marrazzo era consapevole che su quell’impianto sarebbero arrivati i finanziamenti: «Nonostante le incombenze pratiche venivano lasciate agli addetti ai lavori, le strategie di massima venivano indicate da Piero Marrazzo – scrive – Era sottinteso, come già affermato, che in questo senso v’era un’unità d’intenti tra la parte politica e quella imprenditoriale. Il presidente e commissario Piero Marrazzo aveva dato un chiaro segnale in tal senso aprendo la strada e spianandola a quelle procedure finalizzate a far piovere gli incentivi CIP6 sull’impianto di Albano».
Le Minacce Perché tutta questa solerzia? Sono i Carabinieri del Noe, in una informativa, a dare il quadro della situazione, ipotizzando addirittura il reato di estorsione per il Ras delle discariche Manlio Cerroni ai danni del governatore e del sindaco Alemanno. «La minaccia era quella di impedire gli smaltimenti, in modo da indurre il Sindaco Alemanno e il presidente della Giunta regionale Lazio, Marrazzo, a disporre il pagamento di circa 130 milioni di euro di fatture arretrate», scrivono. Tra gli obiettivi c’era la nomina, in Regione, di uomini di fiducia di Cerroni. In particolare Mario Di Carlo per cui Cerroni pretendeva la delega ai rifiuti, mai effettivamente concessa da Marrazzo. Sebbene a verbale l’ex governatore abbia sempre negato, i due si sarebbero visti anche a pranzo, nella sede di rappresentanza di Villa Piccolomini. Il governatore aveva delegato i rapporti al suo vice, Esterino Montino. Scrive il gip: «L’attività aveva messo in evidenza il fatto che Marrazzo aveva affidato al vicepresidente Montino la conduzione, sul piano politico, delle scelte in tema di gestione dei rifiuti, ma questo non esulava il presidente dal conoscere anch’egli le dinamiche intrinseche di tali scelte». Quando arrivano i Carabinieri per le prime ispezioni, Spagnoli difende quanto fatto e si confida: «Li ho difesi anche dai Carabinieri, li dovevo far arrestare. L’ho fatto perché c’era Piero Marrazzo dietro tutto questo reticolo». Anche ad Alemanno sarebbero arrivate minacce. A dicembre 2008, tramite un consigliere regionale, Cerroni fece arrivare le sue pressioni sull’allora sindaco: «Gli dici: guarda sta volta questo vi leva la pelle». Le informative parlano di rapporti tra Cerroni ed una serie di politici anche nazionali, tra cui Francesco Rutelli e Giuseppe Fioroni. E’ però il capo della Protezione civile Guido Bertolaso a dargli una mano attiva quando l’imprenditore Fabio Altissimi, poi diventato uno dei principali accusatori, gli scrive per denunciare le anomalie: «Non si ravvisano elementi che ne giustifichino il coinvolgimento nelle numerose questioni sollevate», gli risponde.
Talpe in regione I contatti in Regione permettevano alla rete di avere informazioni anche sulle indagini in corso. L’11 novembre del 2012, quando il parlamentare Stefano Pedica si presenta a Malagrotta per un’ispezione, l’effetto sorpresa non c’è. Nel gruppo Cerroni si sa già da 24 ore. Federica Conte, segretaria di Cerroni, è stata avvertita. La comunicazione inviata alla segreteria dell’assessore ai Rifiuti, Pietro Di Paolo, è già stata girata a Cerroni. La Mazzei, segretaria di Di Paolo, si attiva per ogni richiesta da parte di Conte, anche quelle «non limpidamente istituzionale». A Rando, braccio destro di Cerroni, Conte dice al telefono dice di essere andata alla Regione a prendere «le copie del collaudo e delle casse che vanno consegnate in Arpa, Provincia e Comune e che ha mandato una nota proprio a Fegatelli. E poi, quando Rando le chiede come comportarsi in merito all’ispezione risponde: «Noi non dobbiamo assolutamente essere al corrente».
Atti modificati Il 29 dicembre 2010 il gruppo Cerroni riesce a modificare la relazione di stabilità dei versanti di Malagrotta, utilizzando, in accordo con un suo assistente, la firma digitale dell’ingegnere che l’aveva redatta. I carabinieri del Noe lo deducono dalle intercettazioni. «Io adesso, nell’immediato non te la posso modificare», dice l’assistente alla Conte, dopo averle annunciato che gli è arrivata la firma digitale dell’ingegnere. «Te lo posso fare tra un’oretta». E la segretaria: «Si va bene, tanto noi dobbiamo consegnare oggi entro capito? Entro un certo orario dobbiamo consegnare». L’assistente risponde: «Certo se c’hanno fretta, la firma ce l’hai basta che scrivi sopra a quella cosa…dichiarazione sulla stabilità dei versanti di Malagrotta». E la segretaria «Però aspetta un’attimo, dichiarazione e basta, io sottoscritto, come la fa lui?».

Il Fatto Quotidiano – Rifiuti, 7 arresti a Roma: anche il patron di Malagrotta Manlio Cerroni

Rifiuti, 7 arresti a Roma: anche il patron di Malagrotta Manlio Cerroni – Il Fatto Quotidiano

Rifiuti, 7 arresti a Roma: anche il patron di Malagrotta Manlio Cerroni

Sette persone sono state arrestate dai carabinieri del Noe di Roma nell’ambito dell’inchiesta sulla gestione dei rifiuti del Lazio. Tra questi anche l’imperatore dei rifiuti di Roma, l’ottavo re che ha vissuto negli anni di centrodestra e centrosinistra come il padrone, il monopolista nella gestione del pattume sia nella capitale che nel Lazio: Manlio Cerroni, proprietario dell’area della discarica di Malagrotta, è finito ai domiciliari. Un’inchiesta, quella della Procura di Roma, che scompagina un sistema di potere giocato in forza del controllo della catena di comando a rischio di lasciare la Città eterna inondata di rifiuti. Sistema che ha fatto comodo alla politica, incapace di scelte e di governare il ciclo. Con Cerroni agli arresti domiciliari altre 6 persone: imprenditori, ma anche funzionari pubblici. Associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti e truffa sono tra i reati contestati a vario titolo agli indagati. Ai domiciliari Francesco Rando, uomo di fiducia dell’avvocato e gestore della Pontina Ambiente. Rando gestisce anche la E.giovi srl che, insieme al Consorzio Co.la.ri., è tra le aziende principali dell’avvocato che fatturano in media 150 milioni di euro all’anno.

L’inchiesta da Velletri
Ne ha fatta di strada Cerroni, una vita in sella dai tempi della sindacatura nel piccolo paese di Pisoniano, in provincia di Roma, anni Cinquanta, quando si faceva immortalare vicino a Giulio Andreotti fino all’ascesa da imprenditore. Cerroni ha costruito un impero controllando la mega discarica di Malagrotta che per 30 anni ha ingoiato i rifiuti di Roma, di Fiumicino e della città del Vaticano. Società in tutta Italia e anche all’estero, un patrimonio sconfinato e impianti costruiti in mezzo mondo. Ora l’epilogo dei domiciliari. L’inchiesta è partita nel 2009, condotta dai carabinieri del Noe di Roma agli ordini del colonnello Ultimo e del capitano Pietro Rajola Pescarini. La Procura di Velletri, pm Giuseppe Travaglini, aveva chiesto gli arresti, ma il gip nell’aprile 2012 ha traferito gli atti per competenza alla Procura capitolina. Sotto accusa era finita la gestione del polo industriale di Albano Laziale, dove l’anziano avvocato, con la Pontina Ambiente, gestisce una discarica e un Tmb, impianto di produzione del cdr, le balle dei rifiuti da incenerire. Secondo l’accusa veniva prodotto cdr in misura inferiore rispetto a quanto veniva poi fatto pagare ai Comuni conferitori, con risparmio per il privato che spendeva di meno per smaltirlo in discarica, che in tanto si esauriva prima, piuttosto che per incenerirlo. I comuni pagavano per un servizio che non ricevevano procurando così un vantaggio alla società di Cerroni. L’inchiesta per competenza si è spostata a Roma, i pm Alberto Galanti e Maria Cristina Palaia sotto la guida del procuratore Giuseppe Pignatone, hanno chiesto le misure cautelari, oggi accolte dal gip, ordinanza eseguita dagli uomini del Noe.

Il funzionario a disposizione
Se c’è l’imprenditoria non può mancare il funzionario regionale, anche lui ai domiciliari, si tratta di Luca Fegatelli. Notizie riguardo l’indagine, che oggi ha portato all’esecuzione delle misure cautelari, erano già state pubblicate eppure Fegatelli, anche quando Nicola Zingaretti è stato eletto presidente della Regione, è rimasto in sella con una sfilza di incarichi (ilfattoquotidiano.it ne contò 10). Tra questi anche quello di direttore dell’agenzia regionale per i beni confiscati. Fegatelli è stato dirigente della direzione regionale energia e rifiuti fino al 2010 prima di passare a capo del dipartimento istituzionale e territorio, ruolo che oggi ricopre. Per gli inquirenti è stato a disposizione del gruppo imprenditoriale, è risultato il vero regista, l’uomo chiave della strategia “cerroniana” in Regione. Insieme a Cerroni ai domiciliari finiscono i suoi uomini di sempre, i fedelissimi che da anni sono stati ai vertici della galassia di imprese dell’avvocato.

L’assessore al telefono
Ai domiciliari anche Bruno Landi, ex presidente della Regione Lazio negli anni Ottanta, craxiano di ferro, presidente di Federambiente Lazio, che ha ricoperto diversi ruoli nelle società dell’avvocato da Viterbo a Latina. Landi è stato il punto di contatto con il mondo della politica. Quella politica che ha sempre acconsentito alle richieste dell’avvocato per lo spettro della spazzatura in strada e l’incapacità dei partiti di avviare un ciclo di gestione dei rifiuti. Negli atti, l’informativa dei carabinieri del Noe inviata alla Procura di Velletri, anche una telefonata con l’attuale assessore regionale Michele Civita (estraneo all’inchiesta), quando era assessore in Provincia. Conversazioni che raccontano il ruolo e il potere di Cerroni. Era il 2010. I carabinieri scrivono nell’informativa: “L’assessore, sebbene in un primo momento sembra tenere testa alle pretese dell’avvocato, alla fine soccombe dietro la paura di creare un problema igienico-sanitario simile a quello vissuto dalla città di Napoli, così come paventato dal Cerroni stesso”. Un potere e un ruolo che hanno affascinato anche Goffredo Sottile (pure lui estraneo all’indagine), ultimo commissario per l’emergenza rifiuti a Roma, che anche in pubblico aveva espresso apprezzamenti per l’avvocato. Nonostante l’indagine in corso a carico di Cerroni – nota già dallo scorso anno – Sottile ha insistito per affidargli la gestione della nuova discarica che avrebbe servito Roma dopo Malagrotta. Ipotesi poi tramontata. Tramontata come la rete di potere dell’anziano avvocato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: