Rifiuti allo Spizzicatore – la Regione Lazio ha già detto no!

logo scaricadiscaricaIl Comitato Antidiscarica esulta dopo la notizia dei documenti della Regione Lazio che confermano l’incompatibilità della lavorazione dei rifiuti nell’area dello Spizzicatore!

Sono ormai troppi anni che sentiamo parlare di progetti che prevedono la lavorazione dei rifiuti presso la zona industriale del comune di Allumiere denominata.

1363discarica_fotomontaggio

E’ ora di dire un basta definitivo a queste iniziative che spuntano come funghi sul territorio del Comune di Allumiere, a progetti che non si basano su una seria programmazione impiantistica dei rifiuti che tenga conto delle reali necessità del comprensorio, dell’incidenza di insediamenti industriali già subita e dei vincoli ambientali.

Ci troviamo davanti  a logiche affariste che inseguono contributi statali e incentivi di ogni sorta con la pretesa di voler produrre energia elettrica da fonti impropriamente denominate rinnovabili e di fatto inquinanti, proprio in un momento storico dove di energia elettrica e di inquinamento se ne producono già troppi.

Sono anni che ci sgoliamo dicendo in ogni modo che quella zona industriale è nata male!

Perché individuare una zona industriale così lontano dal paese e, soprattutto, su proprietà privata, creando appetiti di ogni tipo?

Perché i rifiuti sono le uniche proposte industriali riservate allo Spizzicatore?

Per queste affermazioni, a difesa dei beni comuni e della collettività intera, siamo stati aggrediti e anche querelati.

E’ proprio per quest’area si parlava di discarica comprensoriale utilizzando la cava esistente, poi di bio-polo della Ecostyle srl (digestore da 70/150 mila tonnellate/anno di rifiuti), poi di digestore anaerobico della Renerwaste s.p.a. (70 mila tonnellate/anno di rifiuti), ed oggi, di lavorazione inerti e compostaggio aerobico proposto dalla Renerwaste s.p.a. (35/38 mila tonnellate/anno di rifiuti).

Sempre e comunque di rifiuti parliamo!

L’area è compresa nella  ZPS “ Tolfetano – Cerrite – Manziate ” e sempre, da anni, si ribadisce che la normativa europea, che regolamenta le ZPS, recepita dal Governo Italiano  e dalla Regione Lazio, vieta tassativamente l’insediamento di tali impianti, ma nessuno lo ha mai preso in considerazione.

Oggi, veniamo a conoscenza che già il 16 Agosto 2012 la Regione Lazio, mediante i propri uffici, certificava che in quest’area i progetti di lavorazione dei rifiuti non sono ammessi.

Riteniamo opportuno quindi, che la Regione Lazio e il Comune di Allumiere, provvedano a richiedere alla Provincia di Roma la sospensione immediata della conferenza di servizi relativa all’autorizzazione richiesta dalla Renerwaste s.p.a. per costruire un impianto di compostaggio allo Spizzicatore.

Se per Allumiere riuscissimo a prospettare una zona industriale, ci piacerebbe che fosse una zona industriale per il turismo, per il vino, il grano, il pane, il prosciutto, l’olio e il legno, ma non certamente per dei rifiuti organici provenienti da tutta la provincia di Roma.

Info Admin Antidiscarica
Amministratore del BLOG del Comitato NO MEGADISCARICA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: