CIVONLINE – Differenziata, il Popolo della città punta sull’Ecobank

CIVONLINE – Differenziata, il Popolo della città punta sull’Ecobank

Politica, Santa Marinella di GIAMPIERO BALDI

SANTA MARINELLA – La lista civica Il Popolo della città che appoggia il sindaco Bacheca, plaudendo ai risultati ottenuti dall’attuale amministrazione che ha fatto partire la raccolta differenziata che praticamente copre l’intero territorio cittadino, intende lanciare una proposta per creare un valore aggiunto alla importante materia del porta a porta. Un incentivo che, in affiancamento a quanto già avviato, porterà sicuri benefici in termini di ambiente e guadagno per la collettività. “Molti si domanderanno come si possa guadagnare riciclando e contestualmente salvaguardare l’ambiente – dicono in una nota i responsabili della lista di centro destra – la risposta è semplice e neanche di nuova invenzione e cioè “Ecobank”, un progetto pilota partito in Piemonte nel 2009 che ha riscosso un enorme successo e che pian piano si sta estendendo anche in altre regioni italiane. Noi del Popolo della Città, attenti alla salvaguardia ambientale del nostro territorio con un occhio di riguardo verso la possibilità di creare in contemporanea una fonte di guadagno per la collettività crediamo di poter dare un importante contributo lanciando questa idea che fornirebbe risultati certi nell’interesse della collettività”. L’Ecobank è una stazione automatica di ultima generazione munita di computer che gestisce in tempo reale la raccolta differenziata di plastica, alluminio e acciaio, verificando al momento la bontà dei riciclabili conferiti. La buona notizia per i cittadini sta nel fatto che contestualmente al conferimento l’apparecchio rilascia una sorta di scontrino cartaceo che, in base alle convenzioni precedentemente convenute, può essere cambiato direttamente in denaro o spendibile presso esercizi commerciali convenzionati o con la stessa amministrazione comunale per l’erogazione di determinati servizi o per sconti in bolletta, questo a seconda che l’attività con Ecobank sia gestita privatamente o dall’amministrazione pubblica. Il sistema non si occupa semplicemente di raccogliere i materiali da riciclare ma anche di compattarli e differenziarli al momento della raccolta. Alla stazione Ecobank sono infatti collegati appositi contenitori interrati ove, una volta accettato il materiale da riciclare, vengono convogliati in base alle differenti caratteristiche di recupero. Una sorta di vuoto a rendere con remunerazione quello proposto dalla Ecobank le cui postazioni sono in grado di assicurare il 100% di riciclo dei rifiuti convenuti differenziandoli per materiale e colore con il contestuale abbattimento dei costi sostenuti per il servizio di raccolta e quelli per la selezione degli impianti di recupero, questione questa non di poco conto se si pensa alle tasse che i cittadini ad oggi sostengono per la gestione dei rifiuti con un incentivo in più che entra direttamente nelle loro tasche, una specie di salvadanaio insperato.
“I candidati al consiglio comunale della lista civica Il Popolo della Città – continua la nota – vogliono focalizzare l’attenzione sui benefici ambientali che se ne traggono di conseguenza. Viene da sé, infatti, che con una gestione della raccolta in questo senso si va ad uno svilimento delle emissioni inquinanti con la diminuzione del traffico dei mezzi atti alla raccolta, con conseguente abbattimento dei costi di raccolta e smaltimento, garantendo contemporaneamente la qualità ed il riciclo del cento per cento dei materiali raccolti con la postazione ecologica di conferimento differenziato. Riciclare è un dovere di tutti per tutti ed è per questo che intendiamo sposare l’unicità di questo evoluto sistema di grande impatto per la comunità. A Santa Marinella siamo già a buon punto – conclude il comunicato – e se al progetto della differenziata avviato dall’amministrazione Bacheca si affiancherà un servizio innovativo di tale portata, che consenta differenziando di ottenere anche delle agevolazioni economiche per i cittadini con benefici per l’ambiente, possiamo ben dire che il connubio è perfetto”.

(02 Mag 2013 – Ore 13:19)

Info Admin Antidiscarica
Amministratore del BLOG del Comitato NO MEGADISCARICA

One Response to CIVONLINE – Differenziata, il Popolo della città punta sull’Ecobank

  1. Sergio Marchetti says:

    TARES, LA TASSA PIÙ INUTILE DELLA STORIA!
    La TARES è una inaccettabile NUOVA AGGRESSIONE inventata dai gestori della cosa pubblica anche verso chi è già al limite della sopravvivenza. E’ infatti una tassa ancora più iniqua dell’IMU, tanto più assurda, insensata e INUTILE in quanto totalmente EVITABILE, semplicemente perché facilmente sostituibile dalle moderne tecnologie per il trattamento a freddo dei rifiuti, disponibili subito e GRATUITAMENTE..
    Nei “Complessi Ecologici Polivalenti” realizzati gratuitamente per i Comuni che li richiedano, viene conferito dall’Ente pubblico ogni tipo di rifiuto INDIFFERENZIATO solido e liquido, che l’impianto SELEZIONA DA SOLO PER IL 100% e trasforma con INQUINAMENTO ZERO (chiedere info a 222ferr@gmail.com ).
    Il prodotto ricevuto viene trasformato in Energia Elettrica pulita da fonte rinnovabile (a mezzo modificazione molecolare a freddo, SENZA COMBUSTIONE, quindi senza camini ed alcuna forma di inquinamento) che sarà venduta assieme al calore, al freddo e alle materie prime-seconde, incassando inoltre e a parte, anche i certificati verdi e bianchi. Con gli incassi che ne derivano, l’impianto si ripaga in Project financing e storna il 50% degli utili netti per opere Umanitarie e/o Socialmente Utili e, PER LA PRIMA VOLTA, PER AZZERARE OGNI SPESA DI RACCOLTA TRASPORTO E CONFERIMENTO oggi sostenuta dai Comuni. ECCO PERCHÉ LA TARES È TOTALMENTE INUTILE!
    Per gli Enti pubblici l’intera operazione di gestione rifiuti è totalmente gratuita e produce energia sufficiente per il fabbisogno del territorio, alla sola condizione che garantiscano al Complesso Ecologico Polivalente la costanza del conferimento di rifiuti per 30 anni a costo zero.
    Di fronte a tale incontestabile e comprovabile realtà dei fatti, non sembra ai cittadini che i loro Amministratori dovrebbero essere meno… “conservatori” e più all’altezza della fiducia che, forse troppo ciecamente, era stata loro accordata dagli elettori?

    2
    COME FARSI “REGALARE” UNA CASA DALLE F.E.R.!
    Lo sapevate che con la EDILIZIA ABITATIVA SOCIO-SOLIDALE tutti possono avere una CASA A RISCATTO SENZA MUTUO (con particolari vantaggi extra per i meno abbienti) AL 21% DEL SUO VALORE COMPLESSIVO, e che gli stessi Comuni possono risolvere l’annoso problema “casa per i meno abbienti” quasi a costo zero ? (chiedere info a 222ferr@gmail.com ).
    Ciò si ottiene ricavando la differenza del denaro necessario alla costruzione e gestione per 30 anni, dall’utilizzo e dalla vendita di una rilevante quantità di Energia Elettrica e Termica pulita e dall’incasso dei certificati verdi, bianchi e neri che derivano dall’uso integrato e massivo di diverse e modernissime tecnologie di produzione abbinate ai complessi abitativi realizzati.
    Tali varie Energie pulite e rinnovabili, prodotte in quantità superiori al fabbisogno delle famiglie, assicurano inoltre alle stesse la gratuità di tutte le utenze e consumi energetici di ogni abitazione per 30 anni oltre alle altre, molte e notevoli, agevolazioni economiche sull’acquisto.
    I richiedenti che ne avranno i requisiti di reddito, potranno pagare un modesto riscatto mensile (260 euro) e utilizzando un asset collaterale per sostenere il finanziamento bancario, utilizzare i benefici economici derivanti dalla rendita che dei molti e differenti progetti di FER (Fonti Energetiche Rinnovabili). Tali progetti, utilizzando contemporaneamente un mix di Forze della Natura (sole, vento, acqua, geotermia, ecc), produrranno globalmente energia pulita da fonti rinnovabili sufficiente a garantire più che adeguati guadagni, in grado di assicurare rilevanti vantaggi economici sia agli assegnatari aventi diritto in base al reddito, che ad ogni parte contribuisca all’operazione (costruttori, Comuni, ecc.).

    3
    UNA RENDITA FISSA DALL’ENERGIA VERDE, SENZA IL RISCHIO DI GROSSI INVESTIMENTI.
    La particolare formula “ECONOMIA VERDE”, permette a chiunque, INDIPENDENTEMENTE DAL PROPRIO REDDITO, di azzerare per ben 30 anni i costi delle proprie utenze domestiche e di qualsiasi altra spesa programmabile che si debba sostenere annualmente come affitto, mutuo, auto, alimentari, o addirittura di crearsi una propria rendita fissa di importo liberamente deciso, senza grossi investimenti in eco-impianti da gestire con i relativi permessi da ottenere, consistente esborso RICEVENDO GRATUITAMENTE A MEZZO BONIFICO BANCARIO AUTOMATICO ANNUALE nell’arco di 30 anni (chiedere info a 222ferr@gmail.com ).
    La somma dei molti asset diponibili, sarà successivamente utilizzata per realizzare numerosi impianti ad energia pulita da fonti rinnovabili, i cui utili, compresi i vari certificati verdi, bianchi e neri previsti per le FER, verranno destinati solo ad interventi Socialmente Utili e/o Umanitari in ogni Paese del mondo e a remunerare coloro che hanno reso possibile la realizzazione della formula sopra descritta.

LASCIA IL TUO COMMENTO

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: