CIVONLINE – Digestore, le osservazioni dell’Agraria

CIVONLINE – Digestore, le osservazioni dell’Agraria
 

ALLUMIERE. Il presidente Pasquini illustra le ragioni del no alla struttura allo Spizzicatore «L’impianto avrebbe un effetto devastante in termini di fruizione del suolo»

ALLUMIERE – L’Università Agraria di Allumiere durante l’audizione che ha preceduto la pre-conferenza dei servizi che si è tenuta a Palazzo Valentini lo scorso 2 aprile ha presentato alcune osservazioni per dire «assolutamente no alla realizzazione di qualsiasi impianti di trattamento dei rifiuti». L’Ente collinare ha quindi espresso parere altamente negativo su questo progetto, seppure ridimensionato. Pasquini ha anche evidenziato che «la gente di Allumiere e del comprensorio hanno espresso più volte contrarietà al progetto, seppure ridimensionato» ed ha rilevato che aumenterebbe in maniera enorme l’inquinamento acustico ed ambientale nocivo alla salute. «Considerando la potenzialità prevista di almeno 40.000 tonn/anno e un carico medio per veicolo di circa 20 tonnellate, si avrebbero almeno 2.000 movimentazioni in entrata e 2.000 in uscita per anno, senza considerare veicoli di servizio e mantenimento dell’impianto. La costruzione di qualsiasi impianto di dimensioni notevoli avrebbe un effetto negativo in termini di uso del suolo, di fruizione delle aree di pregio agricolo-ambientale e di impatto visuale sul paesaggio». Il presidente dell’ente collinare ha poi evidenziato che è in fase di ultimazione il progetto Life+ finanziato dalla Comunità Europea per un importo 4 milioni di euro che mira alla gestione dei pascoli, dei boschi e soprattutto per il mantenimento della biodiversità presente sui Monti della Tolfa ed è in fase di presentazione (giugno 2013) un secondo progetto, da inoltrare alla Comunità Europea, che mira a tutelare e consolidare il paesaggio, i beni culturali ed ambientali con l’obiettivo di proteggere e valorizzare i flussi migratori e stanziali ornitologici la cui vita potrebbe essere modificata». 

(Rom.Mos.)

(04 Apr 2013 – Ore 21:29)

Info Admin Antidiscarica
Amministratore del BLOG del Comitato NO MEGADISCARICA

One Response to CIVONLINE – Digestore, le osservazioni dell’Agraria

  1. Sergio marchetti says:

    TARES, LA TASSA PIÙ INUTILE DELLA STORIA!
    La TARES è una inaccettabile NUOVA AGGRESSIONE inventata dai gestori della cosa pubblica anche verso chi è già al limite della sopravvivenza. E’ infatti una tassa ancora più iniqua dell’IMU, tanto più assurda, insensata e INUTILE in quanto totalmente EVITABILE, semplicemente perché facilmente sostituibile dalle moderne tecnologie per il trattamento a freddo dei rifiuti, disponibili subito e GRATUITAMENTE..
    Nei “Complessi Ecologici Polivalenti” realizzati gratuitamente per i Comuni che li richiedano, viene conferito dall’Ente pubblico ogni tipo di rifiuto INDIFFERENZIATO solido e liquido, che l’impianto SELEZIONA DA SOLO PER IL 100% e trasforma con INQUINAMENTO ZERO (chiedere info a 222ferr@gmail.com ).
    Il prodotto ricevuto viene trasformato in Energia Elettrica pulita da fonte rinnovabile (a mezzo modificazione molecolare a freddo, SENZA COMBUSTIONE, quindi senza camini ed alcuna forma di inquinamento) che sarà venduta assieme al calore, al freddo e alle materie prime-seconde, incassando inoltre e a parte, anche i certificati verdi e bianchi. Con gli incassi che ne derivano, l’impianto si ripaga in Project financing e storna il 50% degli utili netti per opere Umanitarie e/o Socialmente Utili e, PER LA PRIMA VOLTA, PER AZZERARE OGNI SPESA DI RACCOLTA TRASPORTO E CONFERIMENTO oggi sostenuta dai Comuni. ECCO PERCHÉ LA TIRES È TOTALMENTE INUTILE!
    Per gli Enti pubblici l’intera operazione di gestione rifiuti è totalmente gratuita e produce energia sufficiente per il fabbisogno del territorio, alla sola condizione che garantiscano al Complesso Ecologico Polivalente la costanza del conferimento di rifiuti per 30 anni a costo zero.
    Di fronte a tale incontestabile e comprovabile realtà dei fatti, non sembra ai cittadini che i loro Amministratori dovrebbero essere meno… “conservatori” e più all’altezza della fiducia che, forse troppo ciecamente, era stata loro accordata dagli elettori?

LASCIA IL TUO COMMENTO

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: