Corriere Roma – Nuova discarica, l’allarme di Clini e Sottile: «Senza l’Ortaccio, rifiuti in strada a Roma»

Nuova discarica, l’allarme di Clini e Sottile: «Senza l’Ortaccio, rifiuti in strada a Roma»

Il ministro: Roma è a rischio, o si trova una soluzione o interverrà il governo. Il prefetto: volete l’immondizia in via Nazionale?

 

Clini e Sottile (Jpeg)Clini e Sottile

ROMA – «Alternative a Monti dell’Ortaccio non ce ne sono. Noi rischiamo il 1° gennaio 2013 di avere i rifiuti nelle strade di Roma». Lo ha detto il commissario per l’emergenza rifiuti prefetto Goffredo Sottile al termine dell’incontro con la missione di europarlamentari da lunedì a Roma per valutare la situazione rifiuti nella Capitale. «L’alternativa a Monti dell’Ortaccio sono i rifiuti in via Nazionale», ha chiosato ironicamente Sottile. E il ministro dell’Ambiente Corrado Clini ha rincarato: «Il commissario sta lavorando su delle soluzioni, ma se alla fine non risulteranno praticabili per un’opposizione politica o Roma si riempie di rifiuti oppure il governo si fa carico di iniziative eccezionali».

 

La protesta dei residenti di Monti dell'Ortaccio (Jpeg)La protesta dei residenti di Monti dell’Ortaccio (Jpeg)

L’ATTACCO DEL MINISTRO – Continua Clini: «La storia di Roma è questa: ogni proposta che viene formulata trova un’opposizione e nessuno si assume la responsabilità di scegliere. Poiché il ministro dell Ambiente non può tollerare l’idea che dal 1° gennaio 2013 i rifiuti di Roma vadano per strada perché nessuno si è assunto la responsabilità di scegliere, sceglieremo noi. E le scelte purtroppo piacciono a qualcuno e non piacciono a qualcun’altro». Clini è irritato: «Sono otto mesi che ci stiamo occupando del problema rifiuti di Roma e per otto mesi abbiamo avuto il gioco dell’oca. Ogni volta che è venuta fuori una soluzione, non andava bene all’uno o all’altro. Adesso basta giocare».

«NESSUNO SI È ASSUNTO RESPONSABILITA’» – Secondo Clini, «è scandaloso che in questi anni le amministrazioni e i cittadini di Roma invece di pretendere il trattamento dei rifiuti abbiano consentito che quelli non trattati andassero in discarica, avendone come vantaggio una tariffa bassa. Io faccio il ministro dal 2011, la discarica di Malagrotta c’è da 40 anni ed è stata gestita da amministrazioni elette dai cittadini. Noi ci assumiamo la responsabilità in un ambiente in cui l’esercizio della responsabilità non è molto praticato».

 

Manlio Cerroni lunedì a Malagrotta ha accolto la delegazione europea (Eidon)Manlio Cerroni lunedì a Malagrotta ha accolto la delegazione europea (Eidon)

LA BOCCIATURA DEGLI EUROPARLAMENTARI – Proprio lunedì è arrivata a Roma una delegazione del Parlamento europeo per visitare la discarica di Malagrotta, che dovrebbe chiudere entro il 31 dicembre 2012, e il nuovo sito scelto dal prefetto Sottile, cioè Monti dell’Ortaccio, poco distante da Malagrotta e sempre di proprietà di Manlio Cerroni, il presidente del Consorzio che gestisce Malagrotta. La delegazione ha bocciato il nuovo sito perché troppo vicino al vecchia e in un’area già degradata. Il 1° gennaio 2013 scade l’ennesima proroga concessa alla discarica di Malagrotta (che continuerà però ad essere aperta fino al primo aprile 2013, ndr) e i rifiuti non trattati verranno inviati all’estero.

Corriere Roma – Redazione Roma Online   30 ottobre 2012 | 17:49

Info Admin Antidiscarica
Amministratore del BLOG del Comitato NO MEGADISCARICA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: